Posts

A volte ritornano... sui social la prescrizione non esiste! Ecco come difendersi in 3 mosse

Image
Ci cascano i politici.
Ci cascano i personaggi del mondo dello spettacolo.
E, purtroppo, può succedere anche a noi!
Di cosa sto parlando?

2019 - Per i social sarà l'anno del "make or break"?

Image
Ed eccoci da qualche giorno nel 2019.
Un nuovo anno ricco di opportunità, ma anche di sfide in ogni ambito - social media inclusi.
Come abbiamo visto, infatti, il 2018 non è stato un grande anno per i principali network, e i maxi-scandali che hanno coinvolto più o meno tutte le piattaforme web - Facebook e Google+ in primis - hanno rimesso in discussione tanto il loro ruolo nella nostra vita quotidiana, quanto la competenza e la trasparenza di chi le gestisce, con conseguenze ancora da valutare per intero.

Destinazione 2019

Image
Eccomi - non mi ero dimenticato ;)
Prima di lanciarci tutti nei festeggiamenti per il nuovo anno, volevo soltanto ringraziarvi per il vostro continuo sostegno, per i vostri commenti... 
...e anche per la vostra pazienza, specie in questi ultimi mesi un po' turbolenti, che hanno lasciato il blog un po' troppo in secondo piano.
Cosa ci riserva il 2019?
Be', per quanto riguarda il blog cercherò di riannodare i fili lasciati qua e là, e di riprendere il ritmo a cui eravate giustamente abituati: magari saluteremo qualche rubrica e ne conosceremo di nuove (come avrete notato, di recente ho parlato molto di scienza e attualità), ma per il momento rimettersi in carreggiata resta la priorità :)

Detto questo, spero di potervi accompagnare lungo un anno sereno e ricco di (gradite) novità.
Buon 2019 a tutti, a presto!

Tumblr - Troppo e Troppo Tardi?

Image
Se pensavamo che il 2018 non fosse stato un anno già abbastanza "pesante" per la socialsfera...
...be', ci siamo sbagliati.
Infatti, complice anche la risonanza ottenuta su altre piattaforme (incluso Twitter), la drammatica svolta decisa ai vertici di Tumblr si è aggiunta ai tanti social-scandali di questi ultimi mesi (altro che Facebookgate...).
Ma che cos'è successo al social network di elezione per hipster, attivisti e teenager?

Le gemelline "made in China" e i limiti etici della ricerca

Image
La notizia, sebbene ancora avvolta da diversi dubbi e da non meno interrogativi, si è diffusa alla velocità della luce.
Giorni fa, He Jiankui, genetista e professore associato presso la Southern University of Science and Technology di Shenzhen, ha sbalordito il mondo annunciando la nascita di due gemelline dal genoma modificato tramite editing genetico: in particolare, lo scopo del trattamento sarebbe stato quello di rendere le bimbe immuni al virus HIV, obiettivo, pare, ottenuto con successo su una delle due neonate.
Come previsto, le affermazioni del professor He hanno suscitato polemiche, incredulità, prese di distanza da parte di diversi enti e persino un'indagine a suo carico, avvalorando la tesi di una clamorosa fake news.

I ladri di dati (e di tempo) che non riconosci...

Image
Quando si parla di furti di dati, di solito si pensa a hacker senza scrupoli pronti a infiltrarsi nei sistemi informatici più sofisticati, a business ambigui, a link malevoli da cliccare a nostro rischio e pericolo, o, alla peggio, al classico scammer pseudo-principe nigeriano e ai suoi affari incredibili (e a cui infatti non si deve mai credere).
Ecco allora che si parte in quarta installando antivirus e firewall a volontà, e magari si inizia a guardare con sospetto pure l'innocua richiesta di amicizia di zia Gertrude che si è appena iscritta a Facebook.
Ma se vi dicessi che a volte i truffatori si presentano in modo del tutto inatteso?
Questi individui non sono super-esperti di cybersecurity, né si inventano storie strampalate: al contrario, proprio la loro apparenza "normale", anzi "perbene" li rende pericolosi.