#Beyond140? Ma anche no!


Twitter: ci risiamo!


Ebbene sì, la querelle è ripartita.
A quanto pare, Twitter starebbe nuovamente pensando di modificare il famigerato limite dei 140 caratteri per tweet, per portarlo a diecimila - adeguandolo così a quello dei messaggi fra user.
La notizia, rimbalzata dai media di mezzo mondo (italiani compresi), ha subito scatenato una vivace discussione, tanto fra gli "addetti ai lavori" quanto fra i "semplici" utenti.
Alcuni "benedicono" la mossa, ritenendola fondamentale per risolvere una ormai evidente difficoltà nell'attrarre nuovi internauti; altri, al contrario, paventano il rischio di una progressiva omologazione dell'uccellino blu, se non una vera e propria "facebookizzazione", e dubitano che ciò possa essere di grande aiuto.
Personalmente, tendo a concordare con i più scettici: ecco le mie ragioni.



Un brand è un'identità!


Dalla sua entrata in scena nel marzo del 2006, Twitter ha fatto dell'agilità il suo punto di forza: non a caso si parla di microblogging!
Proviamo a immaginare cosa accadrebbe se la sua "storica" concisione venisse a mancare.
State pensando ciò che sto pensando io?
"Pipponi" interminabili da parte di utenti grafomani; spam a tutto spiano; timeline trasformate in "intasate" bacheche: vi ricorda qualcosa? 
A me sì: e infatti, come in occasione dell'avvento dei Twitter Hearts, ricomincia a far capolino il funesto meme #TweetBook.
Un po'... inquietante, vero?
Un brand non può permettersi di liquidare da un giorno all'altro un tratto tanto caratterizzante: siamo sicuri che diventare la fotocopia sbiadita di un rivale non serva più a perdere i vecchi utenti che a conquistarne di nuovi?




Un piccolo compromesso, altre prospettive... e più ascolto!


E dire che nel caso specifico una soluzione meno radicale non sarebbe impossibile!
Ad esempio, perché non escludere dal computo dei caratteri i link e le immagini inseriti nei tweet?
La concisione sarebbe meno stringente, ma comunque salva.
E poi, diciamolo, oltre ai caratteri c'è di più, ci deve essere: già l'idea del "drone social", guidato dai tweet degli user mi risulta più simpatica (e anche ai grandi brand non dovrebbe dispiacere) :)
Infine - mi sia permesso dirlo - Twitter avrebbe forse più appeal se desse segno di interessarsi ai nostri suggerimenti: anch'io mi sono preso la libertà di offrirne qualcuno, e una piccola sintesi è ancora fissa in pole position sul mio profilo... 
Un minimo di feedback non sarebbe sgradito.
Che dite, prima o poi una risposta arriverà? :)


E ora, come sempre, a voi la parola: Qual è il vostro rapporto con Twitter? Condividete le sue mosse? Oppure gliene suggerireste altre? :)


I vostri commenti sono sempre i benvenuti, a presto!

Popular posts from this blog

AccaNEETi, nonostante tutto