LinkedIn - Post batte Articolo?


È da un po' di tempo che tra me e LinkedIn Pulse le cose non vanno molto bene.

Una funzionalità semi-nascosta dalla stessa piattaforma, scarso entusiasmo da parte mia... e un livello di engagement ancora più misero.

Eppure, mentre i miei articoli restano a prendere polvere, altre forme di contenuto sembrano invece ottenere risultati notevoli - a cominciare dai post.

Proprio così: alcune mie brevi riflessioni affidate alla corrente del feed non solo non sono passate inosservate, ma hanno riscosso un certo successo fra gli altri utenti.

Ecco il caso più eclatante:


Queste poche righe buttate giù di getto, con giusto qualche hashtag, non solo hanno avuto una reach notevole, ma a distanza di giorni continuano a ricevere consenso e commenti - persino durante il weekend.

Non solo: sono già arrivate le prime richieste di contatto da parte di chi ha concordato con me; niente male, direi!

Risultati molto diversi da quelli portati a casa dal mio articolo long form più popolare (si fa per dire) di queste ultime settimane:


Già - neppure cinquanta visualizzazioni, più cinque "mi piace" e un solo commento.

Eppure gli elementi per un buon pezzo ci sono: un'immagine accattivante, un titolo ben in evidenza... e, al contrario del semplice status di prima, la promozione tramite gli altri social media.

A questo punto viene spontaneo chiedersi: come mai?

A mio avviso, il motivo è semplice: mentre leggere un articolo su Pulse richiede di passare ad un'altra schermata, un breve aggiornamento può essere letto subito, direttamente dal feed - al più si clicca "see more" per avere il testo completo.

Insomma, forse i post brevi vengono meglio incontro alla nostra fretta (o alla nostra pigrizia?): come direbbero Oltreoceano, sono più snackable.

Penso si tratti di un'osservazione importante, soprattutto su LinkedIn, dove lo scopo degli utenti, almeno in teoria, è farsi conoscere e riconoscere - proprio attraverso i contenuti.

E a questo punto, se le mie impressioni trovassero conferma, potrei anche decidere di smettere del tutto di scrivere articoli su LinkedIn, limitandomi ai post.

In fin dei conti, perché dovrei fare fatica per niente, quando con uno sforzo minore si può ottenere molto di più?

Forse i pezzi più lunghi è meglio che restino qui sul blog e su Medium, dove c'è chi li apprezza.


E voi? Avete notato lo stesso trend, oppure la vostra esperienza è diversa? 

Popular posts from this blog

#GiovaniDiOggi - Crescere a pane e WhatsApp