#LibriPerOggi - l'esperienza del blog "I Ritrovati" [INTERVISTA]


La rubrica #LibriPerOggi è nata per riscoprire e valorizzare tutti quei libri, più o meno recenti, in grado di offrire un messaggio ancora attuale.

Ebbene, qualche giorno fa, in Rete, ho scoperto di non essere il solo ad aver intrapreso questa strada: a farmi compagnia, infatti, è arrivato di recente S., autore del blog I Ritrovati - la cui missione, come appare già chiaro dal nome, è proprio quella di riportare alla luce opere di autori "ingiustamente dimenticati" o poco conosciuti, in Italia e all'estero.

Dagli interessi comuni all'idea di collaborare, il passo è stato breve.

Fra un messaggio sui social e l'altro, ne è venuta fuori un'intervista breve ma molto interessante: eccola!


Buongiorno S., e benvenuto su Opportunity Seekers 2.0, - grazie per l'intervista: prima di tutto, come è nata l'idea di questo blog?

La scintilla è scoccata osservando quanto fosse semplice condividere le proprie passioni e interessi tramite il blogging.
I libri sono una costante della mia vita fin dall'asilo; non sempre però si trova qualcuno disposto a parlarne con noi nel tran-tran della vita quotidiana: quindi, perché non entrare in contatto con tanti lettori curiosi e appassionati nel grande mare virtuale?


Sono d'accordo! Ma davvero ritieni che i libri "dimenticati", vecchi di anche di decenni, abbiano ancora qualcosa da dirci?

Senz'altro.
I libri dimenticati, che tento di far rivivere e alla cui lettura cerco di ingolosire i visitatori, sono non solo una memoria storica importantissima, il filo irrescindibile che ci lega a chi ci ha preceduto di decenni o secoli, ma anche una testimonianza di come, nonostante gli enormi e sempre più rapidi cambiamenti tecnologici e sociali, l'essenza dell'uomo e i suoi sentimenti siano gli stessi.
E' una sorta di complicità che si instaura fra noi e il passato, a volte con tenera identificazione; altre, con provocazioni ben più ficcanti dei dozzinali scandali prefabbricati che i mass media ci propinano.


"Dozzinali"... il che ci porta alla prossima domanda: quali tendenze positive o negative stai notando nel panorama editoriale italiano?

Non sono un esperto del settore, quindi un'analisi dell'editoria italiana è un compito impari alle mie possibilità.
Credo non sia mistero per nessuno come l'editoria odierna sia sempre meno produttrice di cultura e sempre più industria di consumo, possibilmente rapido e facile.
Ma vedo anche tanta voglia di esplorare, soprattutto da parte delle piccole case editrici indipendenti, e di portare al lettore temi e sfide nuove, anche da terre lontane.
Perché non farlo attingendo al nostro patrimonio letterario italiano?


E quali tendenze positive o negative stai notando nel panorama del book blogging italiano?

Il blogging, per ciò che vedo, riflette le tendenze del mercato editoriale: i generi d'evasione proposti dalle grandi case editrici regnano sovrani; qualcuno invece spazia fra generi e confini.
Ma è un mondo ancora tutto da esplorare per me, quindi non voglio esprimermi ulteriormente.


Giusta considerazione: a proposito, il blog è aperto anche a segnalazioni e recensioni (sai, essendo io un autore...)? Se sì, di quali generi preferisci trattare?

Oh, sì.
Per quanto riguarda gli autori esordienti, sono disponibile a segnalare opere di qualsiasi genere.
Se invece le case editrici fossero interessate, sarei felicissimo di recensire narrativa italiana e straniera - magari dai Paesi europei le cui letterature e culture non sono ancora molto conosciute da noi - con concessioni al genere storico e giallo, da valutare caso per caso.


Ottimo! Come possiamo contattarti?

Sono attivo sia su Twitter (@ILibriRitrovati), sia su Google+; inoltre, chi lo desidera può scrivermi all'indirizzo e-mail libri.ritrovati@gmail.com.


Insomma, S. sembra avere idee molto chiare sui suoi obiettivi e sugli strumenti per conseguirli; non posso che ringraziarlo di nuovo per aver voluto chiacchierare con me; sono certo che in futuro troveremo molte nuove occasioni per collaborare.

Questo è il blogging che mi piace - alla prossima!


Popular posts from this blog

Comment Marketing - 5 consigli per farlo bene [VIDEO + INFOGRAFICA]