Blogger Italiani: Chi Sono? [VIDEO + INFOGRAFICA]


Come recita il detto, ogni promessa e debito.

Ed è con molto piacere che onoro l'impegno preso qualche tempo fa, quando vi ho chiesto di rispondere ad alcune domande sul vostro rapporto con il blogging!

Prima di tutto, voglio ringraziarvi per aver partecipato - grazie al passaparola sui social, sono riuscito a raggiungere 35 blogger (o potenziali tali) italiani: un campione che, in base al teorema del limite centrale, può essere considerato un buon punto di partenza per ricavare delle statistiche sul blogging in Italia.

Ecco allora, senza altri indugi, che cosa ho scoperto!

blogger_italiani_indagine_2018

Condividi questa infografica sul tuo sito web!


1 - Chi Blogga? 

Nel campione considerato, il 94,1% risulta in attività come blogger, mentre il restante 5,9% non ha mai intrapreso questo percorso.

Purtroppo, non sono riuscito a raccogliere né le testimonianze di aspiranti blogger, né quelle di chi ha tentato di curare un blog, ma senza successo.


2 - Dove si Blogga?

Il 72,7% degli intervistati non ha dubbi - niente è meglio del proprio blog, del proprio spazio personale, per esprimersi in libertà.

L'uso di piattaforme terze più comode da usare (come Medium o Quora) e la collaborazione con blog o siti curati da altri sono scelti come soluzione solo dal 3% ciascuno - ma un altro 21,2% opta per un approccio misto, integrando almeno due delle suddette possibilità nella propria strategia.

Dati importanti, che se da un lato ci danno la prova un certo interesse per questi canali, dall'altro ci dimostrano come l'idea di rinunciare alla propria indipendenza in cambio di meno responsabilità tecniche o legali, susciti ancora un po' di timore (e spesso non a torto, va detto).


3 - Quando si Blogga?

Sulla frequenza ideale di pubblicazione, i blogger sono da sempre divisi - e il sondaggio lo conferma: se il 36,4% del campione dichiara un ritmo piuttosto lento (1-2 volte al mese), il 30,3% preferisce un'attività più sostenuta (1-2 post alla settimana); e non manca neppure chi riesce a imporsi un piano editoriale ancora più denso: il 12,1% degli intervistati, infatti, pubblica 3-4 post ogni settimana, mentre addirittura il 21,2% supera questa soglia (una strategia che, dati alla mano, risulta particolarmente efficace per i business).

Difficile, quindi, individuare una tendenza di massima, probabilmente anche per la differenza di argomenti trattati (un breve post personale vs una ricerca di carattere scientifico, ad esempio) - in ogni caso, il blogger medio risulta attivo, ma non stakanovista.


4 - Come si Promuove un Blog?

Messo in piedi un blog, bisogna promuoverlo: già, ma come?

Ebbene, nonostante non sia affatto l'unica opzione, l'uso dei social media mantiene la parte del leone: per il 45,5% degli intervistati, infatti, sono proprio Facebook, Twitter e soci la principale fonte di traffico; una vittoria schiacciante sulla SEO (distante seconda con il 27,3%), dovuta forse alla maggiore facilità di utilizzo e alle minori competenze tecniche richieste.

Poco apprezzato l'uso delle newsletter (3%), mentre il restante 24,2% dei blogger si "disperde" fra tutte le altre possibilità a loro disposizione (guest blogging, passaparola, eccetera).


5 - Le Sfide dei Blogger

Nel blogging come nella vita, non è tutto rose e fiori, anzi - per chi vuole farsi strada sul Web, i momenti di sconforto sono sempre dietro l'angolo!

Ma in concreto, contro quali ostacoli i blogger italiani si ritrovano a lottare più spesso? 

Costruirsi una comunità di lettori abituali risulta una delle sfide più ardue, tanto che ben il 39,4% degli interpellati la mette al primo posto; a grande distanza, invece, con il 9,1% dei voti, troviamo l'incremento di parametri quali le visite, le visualizzazioni, e così via.

Con un certo stupore, devo dire, ho trovato al terzo posto la monetizzazione, a qualsiasi titolo, del blog - soltanto il 6,1% del campione, infatti, la considera una difficoltà importante: forse perché già ben messi da quel punto di vista, o più probabilmente perché scoraggiati da brutte esperienze!

In ogni caso, ben il 45,5% non identifica nessuna emergenza particolare, dando più o meno lo stesso peso alle tre opzioni precedenti: forse, perché in fondo le ritiene tutti lati diversi di uno stesso problema - la crescita del blog.


6 - Perché si Blogga?

Domanda legittima: che cosa spinge migliaia di persone a investire tempo (e magari denaro) in un blog?

Il 15,2% degli intervistati si dichiara motivato dalla possibilità di affermarsi a livello professionale: in fondo, in un'area globale, un blog ben fatto può dimostrarsi un biglietto da visita non da poco.

Il 9,1%, al contrario, non sembra interessato ad altro che alla possibilità di esprimersi liberamente in uno spazio personale; più esiguo, invece, il ruolo riservato al blogging come strumento per fare attivismo o informazione (6,1%).

In ogni caso, è interessante notare come il 69,7% degli interpellati non ritenga questi obiettivi mutualmente esclusivi - tanto da tenerne in considerazione due o più allo stesso tempo.

Un punto di vista che se da un lato ci dimostra come la Rete renda più labili le barriere fra pubblico e privato, professionale e personale, dall'altro evidenzia i rischi di un possibile cortocircuito fra queste due realtà (come già notato in alcuni casi di rilievo).


7 - Perché Non si Blogga?

Infine, ho ritenuto giusto chiedere ai non-blogger intervistati che cosa li trattenesse dal provarci.

A quanto pare, il motivo in apparenza più banale, cioè la mancanza di tempo, resta quello più diffuso - lo menziona infatti il 75%.

A molta distanza, con il 25% dei voti, troviamo invece un'altra ragione spesso citata, ovvero la mancanza di argomenti ritenuti interessanti o almeno non troppo sfruttati.


Insomma, questo, a grandi linee, è lo stato del Blogging in Italia - o almeno, questo è quello che sono stato in grado di captare dal mio angolo di Web.

Una realtà dinamica, non facile da incasellare, e che il più delle volte non teme mescolanze e "contaminazioni" - un approccio che, se da una parte può essere di aiuto quando si parla di mezzi e di strategie, dall'altra può risultare problematico al momento di stabilire ambiti e obiettivi chiari.

Detto questo... ringrazio di nuovo tutti coloro che hanno voluto partecipare a questa mia piccola indagine "sul campo" - nelle prossime settimane, spero di tirarne fuori nuovi contenuti più utili e interessanti, di cui poter discutere insieme, e che possano davvero aiutarci a crescere come blogger.

Grazie ancora, e alla prossima!


Popular posts from this blog

Comment Marketing - 5 consigli per farlo bene [VIDEO + INFOGRAFICA]